IT - EN
Antica TRATTORIA from 1960
"La Grotta della Rana"
In the center of characteristic medieval village San Sano,
you will discover colors, flavours and the affability
of the ancient Tuscan Tradition

  • La Grotta della Rana
  • La Grotta della Rana
  • La Grotta della Rana
  • La Grotta della Rana
  • La Grotta della Rana
  • La Grotta della Rana
  • La Grotta della Rana
  • La Grotta della Rana

Near the restaurant, food shop with typical products and WINE TASTING
Our way of cooking is simple and whole
some we are always careful to the choice of ingredients, to the
correct mixture of the flavours,
to the good local wines to match with the food.


Since a long time,
we do bilieve that the best way
to enjoy the chianti is to put the beauty
of the nature together with the taste
of the cooking




Loc. San Sano,
Gaiole in Chianti(SI)
TEL: 0577 746020

Where is San Sano?
Google Maps
Recommended by www.chiantirestaurants.com
THE TRUE STORY 
OF "THE RANA BEONA" TO SAN SANO
La storia della "Rana Beona" e' nata cosi':
Un abitante di San Sano fu chiamato ad una trasmissione televisiva detta "Il Tappabuchi", e cioe' Ferdinando Anichini, un insegnante elementare. La trasmissione era condotta da Corrado Montoni sulla rete nazionale. Siamo nell'Aprile del 1967.
La trasmissione verteva su alcuni giochi di cassetti. Cioe' si sceglieva un cassetto e si pescava un premio. Poi Corrado invitava il concorrente a ballare o recitare una poesia o fare il verso di un animale.
Anichini, fece il verso della rana, perche' a Gaiole gli abitanti venivano chiamati "ranocchiai" per via del torrente Masellane che nell'antichita' era pieno di rane.
Il verso della rana, a dire del conduttore (Corrado), non venne troppo bene.
E il concorrente si giustifico', dicendo "Le nostre rane cantano cosi', perche' bevono il vino Chianti".
Corrado rimase con tanto di naso, e gli assegno' un premio di 200.000 Lire (Euro attuali 103,29) in gettoni d'oro che il vincitore devolse a favore di San Sano.
Ma la cosa piu' interessante e' che il concorrente parlo' del Chianti per quattro volte , facendo conoscere\ e valorizzando la nostra terra, ricca di bellezze e gia' da allora aperta al turismo. 
Con quella cifra Anichini, commissiono' allo scultore Plinio Tammaro di Siena una fontana, con la rana che beve vino e sputa acqua.
Poi, dal 1967, a tutt'oggi, si celebra la "Rana d'oro" con una manifestazione artistica che ha premiato pittori italiani e grandi personalita' dell'arte italiana, della musica e della scienza, come Guttuso, Gazzelloni, Rubbia, e tantissimi altri.

San Sano 19/04/1967