IT - EN
Antica TRATTORIA dal 1960
"La Grotta della Rana"
Nel centro del caratteristico Borgo di San Sano pochi Km da Siena e a due passi da Gaiole... 
potrai scoprire l'ideale connubio di colori, sapori e familiarita' propri
di una trattoria dalle antiche tradizioni toscane

  • La Grotta della Rana
  • La Grotta della Rana
  • La Grotta della Rana
  • La Grotta della Rana
  • La Grotta della Rana
  • La Grotta della Rana
  • La Grotta della Rana
  • La Grotta della Rana

Accanto al ristorante, negozio alimentari con prodotti tipici ed ENOTECA
La nostra cucina di antica tradizione Chiantigiana,
ricercata ed attenta nell'abbinamento dei sapori, perfetta nell'essere accompagnata
da ottimi vini locali ma al tempo stesso fatta di ingredienti semplici e genuini,
e' il giusto completamento di un soggiorno in terra Toscana.


Da anni crediamo che il modo migliore
per vivere nel Chianti sia far sposare
la bellezza della natura,
delizia per gli occhi,
con i gusti del palato




Loc. San Sano,
Gaiole in Chianti(SI)
TEL: 0577 746020

Dov'รจ San Sano?
Google Maps
Segnalato da www.ristorantichianti.it
LA VERA STORIA 
DELLA "RANA BEONA" DI SAN SANO
La storia della "Rana Beona" e' nata cosi':
Un abitante di San Sano fu chiamato ad una trasmissione televisiva detta "Il Tappabuchi", e cioe' Ferdinando Anichini, un insegnante elementare. La trasmissione era condotta da Corrado Montoni sulla rete nazionale. Siamo nell'Aprile del 1967.
La trasmissione verteva su alcuni giochi di cassetti. Cioe' si sceglieva un cassetto e si pescava un premio. Poi Corrado invitava il concorrente a ballare o recitare una poesia o fare il verso di un animale.
Anichini, fece il verso della rana, perche' a Gaiole gli abitanti venivano chiamati "ranocchiai" per via del torrente Masellane che nell'antichita' era pieno di rane.
Il verso della rana, a dire del conduttore (Corrado), non venne troppo bene.
E il concorrente si giustifico', dicendo "Le nostre rane cantano cosi', perche' bevono il vino Chianti".
Corrado rimase con tanto di naso, e gli assegno' un premio di 200.000 Lire (Euro attuali 103,29) in gettoni d'oro che il vincitore devolse a favore di San Sano.
Ma la cosa piu' interessante e' che il concorrente parlo' del Chianti per quattro volte , facendo conoscere\ e valorizzando la nostra terra, ricca di bellezze e gia' da allora aperta al turismo. 
Con quella cifra Anichini, commissiono' allo scultore Plinio Tammaro di Siena una fontana, con la rana che beve vino e sputa acqua.
Poi, dal 1967, a tutt'oggi, si celebra la "Rana d'oro" con una manifestazione artistica che ha premiato pittori italiani e grandi personalita' dell'arte italiana, della musica e della scienza, come Guttuso, Gazzelloni, Rubbia, e tantissimi altri.

San Sano 19/04/1967